fbpx

Per questo fine settimana è previsto bel tempo, anche se con un po’ di nebbia al Nord e in alcune zone del Centro. Nonostante le temperature siano ancora alte, con punte addirittura di 17 gradi in Sicilia, domenica 15 novembre torna l’obbligo di circolare su alcune strade con legomme invernali o le catene da neve a bordo. E’ ormai una prassi introdotta dalla direttiva ministeriale del 16 gennaio 2013 che precisa la durata di questi interventi: dal 15 novembre al 15 aprile. In questo intervallo di tempo gli enti proprietari o i gestori delle strade possono emanare le ordinanze che introducono l’obbligo a prescindere dalle condizioni meteo. Questo per migliorare la sicurezza stradale e ridurre il rischio di incidenti, e poi – bisogna ricordarlo – anche al di fuori di queste date se ci si trova su una strada ghiacciata o innevata c’è comunque l’obbligo. Quali sonole multe? L’importo varia in base alla situazione, se ci si trova su una strada in città o in autostrada… Di seguito vi spieghiamo come funziona e come si può sapere quali sono le strade su cui è in vigore l’obbligo.

Come funzionano le multe

Nei centri abitati: chi circola sulle strade urbane dove è in vigore l’obbligo senza avere le gomme invernali o le catene da neve a bordo – che ricordiamo vanno montate solo in caso di neve su strada – è prevista una multa minima di 41 euro.
Fuori da centri abitati: qui la multa parte da minimo 84 euro.
In autostrada: le multe sulla rete autostradale sono più salate perché in caso di neve e ghiaccio, senza l’equipaggiamento giusto, i rischi sono molto elevati. Per questo la multa parte da 80 euro e arriva a un massimo di 318 euro.
Da sapere: parlando di multe è fondamentale considerare che gli importi variano di caso in caso. Le forze dell’ordine potrebbero aggiungere l’aggravio della guida pericolosa (minimo altri 39 euro e decurtazione di 5 punti patente) o viceversa chi effettua il pagamento entro cinque giorni dalla contestazione ha diritto alla riduzione del 30%. Infine, ricordiamo che quando si viene fermati e viene constatata la violazione del conducente, questi non può riprendere la marcia fino a che non dota l’auto dei mezzi antisdrucciolevoli. Se l’ordine non viene rispettato, si applica una sanzione di 84 euro con relativa decurtazione di 3 punti dalla patente.

Su quali strade vige l’obbligo

Domenica 15 novembre è il giorno in cui le ordinanze scattano a livello nazionale, ma su alcuni tratti stradali a rischio di precipitazioni nevose o formazione di ghiaccio c’è già dal primo novembre. Ogni tratto su cui vige l’obbligo è indicato su strada dall’apposita segnaletica e se si vuole saperne di più sulle singole ordinanze si possono consultare siti come pneumaticisottocontrollo.it dove c’è l’elenco regione per regione.

Da http://www.omniauto.it/magazine/34441/pneumatici-invernali-catene-da-neve-a-bordo-domenica-torna-lobbligo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

29Gen 2016

OBIETTIVO CENTRALIZZARE – Novità sul fronte delle omologazioni delle automobili: la procedura, che a oggi è più nazionale che sovranazionale, è finita nel mirino di Bruxelles. L’Unione Europea, attraverso la Commissione, sembra intenzionata a rafforzare il proprio ruolo, ridefinendo la procedura stessa, che risale al 2007. Difficile non vedere in questa mossa l’onda lunga dello Continua a leggere

18Gen 2016

Anche nel mese di gennaio 2016 promozioni aggressive, in particolare quella del gruppo Fiat Chrysler Automobiles che propone una campagna rottamazione “senza limiti”: si può consegnare qualsiasi mezzo targato, anche un ciclomotore, e “scambiarlo” con una vettura nuova. Condizioni interessanti, però, anche per chi non demolisce l’usato: stipulando il finanziamento (obbligatorio per accedere alla promozione) Continua a leggere

11Gen 2016

Las Vegas, la Capitale Usa dei gioco e dei congressi, vive il suo rapporto con l’auto, in due momenti ‘estremi’: il SEMA, cioè il Salone delle elaborazioni e delle auto sportive, e il CES sigla che significa Consumer Electronic Show. Nel primo caso le quattro ruote vengono interpretate da migliaia di espositori nel loro aspetto Continua a leggere

30Dic 2015

Il Centro Studi e Statistiche dell’UNRAE, l’Associazione delle Case automobilistiche estere, ha realizzato uno studio dal quale emerge che nel corso dello scorso anno 160.406 clienti privati possessori di una Partita IVA hanno acquistato un’autovettura, giungendo a rappresentare il 18,8% del totale delle immatricolazioni a privati (854.665 unità). L’analisi è stata resa possibile grazie all’abbinamento Continua a leggere

29Dic 2015

In principio fu del guidatore, poi del passeggero. Entrambi diventarono “frontali” quando arrivarono i laterali, dopodiché fu la volta di quelli a tendina, anteriori e posteriori. Stiamo parlando degli airbag, uno dei componenti che più hanno rivoluzionato la sicurezza delle automobili. Oggi ogni auto nuova ne offre nalmeno sei – frontali, laterali e a tendina Continua a leggere